Pesci

Pesci: dal 19 Febbraio al 20 Marzo circa, segno d’acqua, mobile, femminile, domicilio notturno di Giove e di Nettuno, esilio di Mercurio, esaltazione della Luna (di Venere nella trad.), caduta di Urano (di Mercurio nella trad.). E’ il dodicesimo segno dello Zodiaco da 330 a 360 gradi, il numero personale o fortunato è il 12; il giorno è il Giovedì; le pietre portafortuna sono la pietra di luna, il turchese e l’acquamarina; i colori sono blu, grigio argentato, smeraldo e blu mare; i profumi sono aghi di pino, il calamo, la ninfea, il mirto e la reseda ; le parti più vulnerabili sono i piedi, il sistema gastro-addominale, le mucose, le ghiandole e la psiche; i fiori che lo rappresentano sono il gelsomino, la camelia e l’iris; il metallo è il rame; gli animali che lo raffigurano il fringuello e la tortora. Rappresenta la sensibilità, la malinconia, lo spirito di sacrificio, la pace, il desiderio di protezione, la sincerità, l’educazione e la spiritualità. Gli effetti negativi sono l’irrazionalità, le paure, l’indolenza, l’eccessivo sentimentalismo, l’influenzabilità, il vittimismo e la rinuncia. Nella mitologia i Pesci sono associati alla leggenda di Derceto. Anatomicamente è legato ai piedi (Curiosità: nel cenacolo di Leonardo Da Vinci, l’ultimo e unico apostolo a sinistra dell’osservatore che mostra i suoi piedi). La donna è difficile da capire per le sue innumerevoli sfumature e la sua volubilità. Si mostra, comunque, sensibile, adattabile, a volte pigra, altre volte ricca di vitalità, senza però mai scoprirsi completamente.